Ti controllo da vent'anni!

Aggiornato il: mag 20


Quando nel 2001 mio padre mi disse: “Gianpietro dobbiamo certificarci!” lo guardai in maniera un po’ strana. Non avevo capito che cosa volesse e mi suonava come una nuova mansione che mi stava “democraticamente” assegnando. Già pensavo a rifornire, aggiustare i distributori del mio giro, gestire i clienti, fare gli ordini, le bolle, mi allenavo per fare l’arbitro, “A vent’anni non basta?” pensai.


Mi disse di andare il giorno dopo da un nostro cliente a conoscere quel Tizio, che mi avrebbe spiegato che cosa c’era da fare per quella certificazione. Provai a chiedergli a cosa servisse, non conoscevo l’argomento e non mi interessava conoscerlo fondamentalmente. Mi disse: “Ci serve per le gare d’appalto e per far vedere ai clienti che ce l’abbiamo!”.


Andammo dal responsabile della qualità dell’azienda nostra cliente. Ero contrariato. Non mi andava di caricarmi ancora di un’altra attività ma non potevo oppormi. Era stato deciso così. Trovai il loro consulente, veniva da Roma e mi descrisse in cosa consisteva la certificazione.


Ricordo ancora quell’azienda. Era enorme, strutturata, ordinata e pulita, caratteristiche che si potevano ottenere con il controllo qualità e diffondendo quella mentalità quotidianamente.

Decisi così di incontrarlo. Facciamo un paio di consulenze e introduciamo nella nostra azienda delle procedure scritte e ben definite per la prima volta. Capisco che quelle sono le basi di partenza dalle quali si può solo migliorare.


Mio padre non era dello stesso parere… il suo obiettivo era quello di ottenere la certificazione per farsi bello mentre io ne avevo intuito il potenziale.


Avevo capito che da quel momento in poi potevamo crescere perché avevamo le tracce di come si facevano le cose, c’erano le procedure che avrebbero dato una mano a spiegare ogni dettaglio ai nuovi ed a ripassarli a noi vecchi. Bastava modificarla ogni volta che c’era una novità o non era più necessaria un’attività da svolgere.


Iniziammo la fase di test, babbo non le rispettava però aveva mamma che le seguiva ed i report venivano imbucati regolarmente ogni sera, un po’ a fatica, ma arrivavano.

Poco dopo ci certificammo con la SQS… ero un po’ teso quel giorno, non mi piaceva fare brutta figura ed era la prima volta che introducevo una novità in azienda. Superammo brillantemente la check list dell’ente.


Avevo scoperto l’audit. Mi piaceva quel sistema. Era il 2001.

Siamo nel 2020 ed il periodo che stiamo vivendo non è dei migliori si sa…

E’ un momento durissimo non solo per l’Italia ma per il mondo intero. Molti rischiano la vita, altri possono perdere i loro cari per un contagio. Un contagio che si è propagato e diffuso per la nostra superficialità, per dei controlli che dovevano esser fatti preventivamente.

Attraverso il nostro lavoro, stiamo dando il contributo necessario fornendo il servizio di ristoro negli ospedali, nelle case di riposo e nelle aziende che non possono bloccare le produzioni e portando a casa delle persone i rifornimenti dei nostri caffè…

Lo stiamo facendo nel rispetto di tutto e tutti.


Quelle procedure e quella mentalità quasi ventennale ci hanno favorito nell’applicazione degli accorgimenti dettati dal momento, la base era già ottima.

Un RISPETTO DELLA QUALITA’ garantito dal continuo controllo sui nostri distributori da quasi vent’anni fatta di IGIENIZZAZIONE e prelievi a campione. Azioni costanti che servivano e servono a GARANTIRE la SALUBRITA’ dei prodotti somministrati.


Tutte queste procedure e quella mentalità quasi ventennale ci hanno favorito nell’applicazione degli accorgimenti dettati da questo particolare momento.

Siamo diventati più stringenti. Misurarci la febbre, indossare mascherine e guanti in ogni area aziendale è all’ordine del giorno.


Ne approfitto per RINGRAZIARE PROFONDAMENTE il NOSTRO TEAM che è rimasto unito e sta lavorando per GARANTIRE QUALITA’ e continuità NEL NOSTRO SERVIZIO sempre più CERTIFICATO.


Sono sicuro che continuando così, con questo senso di responsabilità ed unione di tutto il nostro Paese NE VERREMO FUORI PRESTO e l’augurio è che questo periodo non venga dimenticato ed ognuno di noi possa uscirne con la convinzione che tante persone eticamente responsabili migliorano il mondo. Per davvero.

#andràtuttobene Se vuoi avere un Servizio SICURO che tutela la tua Salute e quella dei tuoi dipendenti e clienti clicca nel link qui sotto...


https://www.eurocedibe.it/dpi

0 visualizzazioni